BREVE STORIA DEL M5S ANDRIA


Prima che nascesse il MoVimento 5 Stelle, nella città di Andria vi erano i “Grilli Andriesi”.

Un gruppo di persone che hanno deciso di non subire le scelte calate dall’alto, imposte da un politica sorda alle esigenze dei cittadini. Il primo vero appuntamento è il V-Day.

Si parla di inceneritori, si fanno incontri tematici sull’inquinamento ed i rischi sulla salute. Si giunge alle elezioni della lista civica Andria 5 Stelle ed in occasione della campagna elettorale, Beppe Grillo arriva nella nostra città.

2008 Fiato sul collo


2010 Lista Civica 5 Stelle



Lo slancio e l’energia dei primi anni non si affievolisce. L’impegno sul territorio si intensifica e si sceglie di scendere per strada strada con i banchetti, in perfetto spirito 5 stelle per ritrovarsi a parlare della città.
Il 12-13 Giugno 2011 lo ricordiamo per il Referendum sul nucleare e sull’acqua pubblica. Altrettanto importante è l’iniziativa che coinvolge più gruppi di attivisti di tutta la Puglia, Zero Privilegi, contro gli sprechi del consiglio regionale.

Alla base del nostro impegno vi è sempre la ricerca, l’approfondimento e lo studio dei temi più importanti della nostra città. Spesso le nostre denunce hanno messo in luce un cattivo modo di governare la città.

Tutto questo lo raccontiamo sul nostro blog che diventa uno strumento utile per documentare il nostro lavoro.
Il tempo corre veloce e ci ritroviamo alle “parlamentarie”.

Zero Privilegi Puglia


2012 Parlamentarie



24-25 Febbraio 2013, Elezioni Politiche. Grande soddisfazione per noi del gruppo 5 stelle di Andria per via del neo eletto portavoce Giuseppe D’Ambrosio alla camera dei deputati.
Intanto si consolida nella nostra città la presenza di un gruppo che sui temi di maggiore interesse non manca di far sentire la propria voce.

Sono tante le tematiche su cui dibattere, come la delicata questione della raccolta differenziata, l’adesione alla campagna Rifiuti Zero, il mercato ortofrutticolo, l’abbandono dei parchi pubblici, l’argomento trasparenza del nostro comune, la Discarica di Andria, le condizioni della biblioteca comunale, la scelta di Equitalia per la riscossione dei tributi, le zone franche urbane, la finta abolizione delle province, I tempi biblici per l’interramento della ferrovia, il carcere mandamentale di S. Maria Vetere, il registro tumori e la raccolta Firme per le 3 Proposte di delibera popolare che ci hanno portato a discuterne nelle nelle relative commissioni all’interno delle istituzioni.

Il desiderio è sempre stato quello di rendere migliore la nostra città, migliorando la qualità della vita. Questo è possibile farlo solo se si è liberi. Sappiamo che il meglio deve ancora venire.

2014 Di MAio, Brescia, D’Ambrosio


Attività sul Territorio



TOCCA A TE SCRIVERE LA STORIA

Iscriviti alla Newsletter!